La mia ex moglie può convivere con il nuovo compagno nella casa coniugale assegnatale di mia proprietà?

Il Codice Civile, all’art. 155 quater, prevede le ipotesi in cui l’assegnazione della casa coniugale, al genitore affidatario della prole, possa essere revocata.

Tra queste vi è il caso in cui l’ex coniuge conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. Tale rigida norma, però, è stata reinterpretata dalla Corte di Cassazione alla luce dell’evoluzione della società e dei costumi.

Con la sentenza n. 23786 del 2004, infatti, la Suprema Corte ha stabilito che la parte assegnataria della casa in virtù dell’affido dei figli, possa convivere nell’ abitazione, un tempo “casa coniugale”, con il nuovo compagno, purchè tale convivenza non sia pregiudizievole per l’interesse morale e materiale dei minori.

Pertanto, alla luce della Giurisprudenza sopra citata non vi è più l’automaticità della revoca in caso di nuova convivenza.

Vuoi una consulenza legale sull'argomento?

Il nostro team è composto da avvocati, consulenti legali e dottori in legge specializzati in diritto di famiglia, diritto civile, diritto delle persone e tutela dei minori. Grazie alla massima professionalità e all’alta preparazione in materia giuridica esaminano con cura ogni problematica ed affrontano con dedizione tutti i casi.

Chiama Ora!

News recenti

ASSEGNO ALIMENTARE

L’assegno alimentare è regolato dagli artt. 433 e ss c.c. e viene previsto nel momento in cui il richiedente, a seguito della separazione, versi in

Assegnazione casa coniugale

Col termine di casa coniugale si intende il luogo di normale e abituale convivenza del nucleo familiare formatasi con il matrimonio, ovvero quel luogo dove