Il cognome dell’ex marito può essere mantenuto dopo il divorzio?

In base all’art. 5, commi 2,3,4 della Legge n. 898/1970, la donna divorziata può, in alcune circostanze, essere autorizzata dal giudice a seguitare a utilizzare il cognome dell’ex coniuge, quando sussista un interesse suo o dei figli meritevole di tutela.

E’ il caso, ad esempio, in cui l’ex marito è un professionista o un artista affermato e, ormai, anche l’ex moglie è socialmente identificata con qual cognome. Ciò non toglie che, per motivi di particolare gravità o su istanza di una delle parti, la concessione dell’uso del cognome all’ex coniuge può sempre essere ritirata dal giudice con una successiva sentenza contraria.

Si può immaginare, in questo caso, l’ipotesi di un’ ex moglie che ridicolizzi il cognome maritale tendendo una condotta di vita non consona al prestigio sociale dell’ex coniuge, di fatto danneggiando così lui se non perfino anche gli eventuali figli nati dalla loro precedente unione.

Vuoi una consulenza legale sull'argomento?

Il nostro team è composto da avvocati, consulenti legali e dottori in legge specializzati in diritto di famiglia, diritto civile, diritto delle persone e tutela dei minori. Grazie alla massima professionalità e all’alta preparazione in materia giuridica esaminano con cura ogni problematica ed affrontano con dedizione tutti i casi.

Chiama Ora!

News recenti

ASSEGNO ALIMENTARE

L’assegno alimentare è regolato dagli artt. 433 e ss c.c. e viene previsto nel momento in cui il richiedente, a seguito della separazione, versi in

Assegnazione casa coniugale

Col termine di casa coniugale si intende il luogo di normale e abituale convivenza del nucleo familiare formatasi con il matrimonio, ovvero quel luogo dove